Flollywood?

Settimane a dir poco hollywoodiane quelle di Ecopony. La prima persona che incontri a Milano, ti dice: “Mi occupo di pubbliche relazioni”. Siamo stati, infatti, al Bicycile Film Festival di Milano, invitati alla serata d’inaugurazione. Il BFF è un festival di corti, documentari ed esposizioni artistiche sul mondo della bici a 360 gradi, presente in una sfilza di città quali New York, Tokio, Parigi, Taipei, Londra…  Le chiacchiere tipiche di un’inaugurazione sono state intervallate da una stupenda proiezione sul ciclismo italiano anni Sessanta e Settanta, musicata dal vivo dal duo dei Blonde Redhead (se non li conoscete… beh, son parecchio famosi).
Ci siamo goduti le proiezioni dei giorni successivi. Ma siamo capitati anche alle gare notturne di bmx in un freddo parco milanese, immerso nella nebbia e tra palazzi anonimi; all’alleycat del sabato e all’after-party alla Nuova Accademia di Belle Arti, dove abbiamo conosciuto – tra i tanti – il patron della Cinelli (questa settimana mi hanno fregato la Cinelli, per questo ora giro con una Bianchi).
Altro incontro importante è stato quello con Brandt Barbour – l’ideatore de Bicycle Film Festival – che abbiamo scorrazzato tra Firenze e il Chianti la settimana successiva, fissandogli incontri istituzionali e non. Come la visita al Velodromo di Firenze (che merita un post a parte), un gran bel pezzo di storia a fianco della skyline del nuovo auditorium.
E’ stato uno spasso, poi, portarlo a Gaiole in Chianti e farlo incontrare con Giancarlo Brocci, il promotore dell’Eroica, attivo su molti fronti anche nell’agonismo (Giro Bio; Coppa delle Nazioni; ecc.). Impossibile sintetizzare la mole di racconti, riflessioni e aneddoti di questi due personaggi che vivono – al limite del nomadismo – il ciclismo su poli opposti ma totalmente convergenti. Soprattutto quando si parla di passione.
Dal grande al piccolo schermo. In settimana il nostro Giovanni è stato ospite del programma In Famiglia di Italia7, in onda su satellite e digitale. Si parlava di mobilità sostenibile e in particolare di bicicletta, con Elisabetta Meucci, Assessore all’Ambiente del Comune di Firenze; Valerio Parigi, delegato nazionale Fiab e FirenzeInBici; il già citato Giancarlo Brocci ideatore dell’Eroica e del Giro Bio;Francesca Fioravanti, una giovane avvocatessa che sta lavorando alla normativa vigente sul tema.
Bene, per chi non li conoscesse, consigliamo vivamente di approfondire i link del Bicycle Film  Festival e dell’Eroica, due gioielli, due eventi genuini di rilevanza internazionale. Tra le altre cose, potrete intuire il motivo per il quale l’appeal per i marchi e la storia ciclistica italiana siano magnetici da New York, a Londra e Tokio. Sia per lo sportivo che macina chilometri; che per lo stilista durante un aperitivo in terrazza; che per il ragazzetto tatuato con una bomboletta nello zaino.
Chi dei tre si è fregato la Cinelli gialla?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>