proviamo a placare i languori di chi pedala a Firenze

Per chi non lo sapesse, è la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile. Bologna, come molte altre città italiane ha aderito promuovendo diverse iniziative. Niente di particolarmente eclatante, qualche biciclettata e raduno in piazza maggiore, bandi dedicati ad associazioni che si muovono in questa direnzione, uffici della mobilità impegnati in progetti finanziati da bandi europei, progetti come il progetto Mimosa, un sito dove è possibile caricare un proprio profilo e monitorare i propri spostamenti in termini di chilometri, co2 risparmiata, postare commenti sulla viabilità e più spensierati sul muoversi diversamente in città.

Firenze non ha ancora aderito all’European Mobility Week, ma quelli di FirenzeInBici hanno deciso che non basta aspettare le istituzioni. Domani infatti premieranno con un cioccolatino i cliclisti che passeranno su alcune ciclabili o presunte tali: in Viale Lavagnini angolo Viale Strozzi; in Piazza Beccaria;  Viale Dei Mille; Ponte Vespucci e quella pericolosa quanto un campo minato di Ponte Santa Trinita. Cioccolatini fino a esaurimento scorte. Se volete rifarvi la bocca dopo il caffé, dunque, appuntamento tra le 8 e le 10 di domani 22 settembre mattina. La parola d’ordine sarà un po’ lunga: “Ambrogio, avverto un leggero languorino. La mia non è proprio fame, è più voglia di qualcosa di buono”. Un tesserato Fiab risponderà: “Mi ero permesso di pensarci, signora!”. Una delegazione di Ecopony parteciperà reggendo un vassoio di platino.

Sabato scorso, si è visto sfrecciare in centro il sindaco Renzi con una decina di persone munite di bici Scott a pedalata assistita. Va detto che Simone Tani, leader della squadra della Divisione Sviluppo Economico, gli aveva dato un bel distacco. Il piglio era quello della caccia alla volpe. Erano diretti all’Expo Rurale alle Cascine, meta fin troppo facile per quei bolidi elettrici (qui rasentiamo il Futurismo). Sicuramente stavano scaldando le batterie per il Festival Dell’Energia che inizia in questi giorni. Il programma prevede incontri e esibizioni anche sul tema della mobilità “elettrica”, sulla quale Firenze ha già sperimentato molto e promette sorprese. Ma l’argomento è scivoloso e non banale, dunque per ora è meglio tralasciare. Ma andate a farci un giro.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>